Appunti sulla scrittura I – I poeti prosatori

  • Autore dell'articolo: Lorenzo Fava

Il poeta che si avventura al di fuori dell'orizzonte familiare dei versi affronta una sfida non da poco. Come un liquido che prende la forma del recipiente, l'abile poeta prosatore è colui che riesce a rimodulare e adattare il proprio linguaggio alla forma narrativa. E non sono molti quelli che riescono in questa impresa.

Leggi l'articoloAppunti sulla scrittura I – I poeti prosatori
Scopri di più sull'articolo Il romanzo abruzzese per eccellenza: Il trionfo della morte di Gabriele D’Annunzio
Gabriele D'Annunzio

Il romanzo abruzzese per eccellenza: Il trionfo della morte di Gabriele D’Annunzio

Da sempre trascurato dalla critica letteraria, Il trionfo della morte è un vero e proprio gioiello nascosto all'interno della produzione dannunziana. Accanto agli aspetti autobiografici e al pathos che condivide con altre opere più famose del Vate, in questo romanzo D'Annunzio ci offre un racconto vivido ed evocativo della sua terra natia: l'Abruzzo.

Leggi l'articoloIl romanzo abruzzese per eccellenza: Il trionfo della morte di Gabriele D’Annunzio
Scopri di più sull'articolo Nota di lettura a “La scrematura del soggetto” di Simone Romagnoli
La scrematura del soggetto

Nota di lettura a “La scrematura del soggetto” di Simone Romagnoli

Se spesso il testo poetico si prepara allo snodo, a una ripresa che può rimanere incompiuta, questa necessità di organizzare un ‘secondo termine’ non riguarda la scrittura di Simone Romagnoli. Nella prima raccolta dell’autore (La scrematura del soggetto, Seri Editore 2020), stesura e componimento sembrano coincidere, poiché la sua poesia è un tradurre non solo il pensiero ma anche il pensiero della lingua, in quello che diventa un dialogo fedele, proposto quasi immediatamente.

Leggi l'articoloNota di lettura a “La scrematura del soggetto” di Simone Romagnoli

Il “romanzo improprio”: considerazioni su Kaputt

Attraverso una serie di episodi autobiografici, Curzio Malaparte racconta un'Europa in cui, alimentate dalla guerra, la violenza e la crudeltà umana imperversano insaziabili. Kaputt ne offre un resoconto vivido, e nelle sue pagine sembra quasi di assistere al dileguarsi della civiltà. La recensione di Massimo Pucetti.

Leggi l'articoloIl “romanzo improprio”: considerazioni su Kaputt
Scopri di più sull'articolo La Simeide: Una vicenda umana da non dimenticare
La Simeide

La Simeide: Una vicenda umana da non dimenticare

Impegnati in una strenua lotta per i propri diritti e determinati a difendere il posto di lavoro, gli operai di una fabbrica jesina danno luogo a una vera e propria epopea che travalica i confini della periferia in cui si svolge e si articola lungo venti anni, in un'Italia attraversata profonde trasformazioni. Davide Quadraroli racconta La Simeide di Tullio Bugari.

Leggi l'articoloLa Simeide: Una vicenda umana da non dimenticare