Silvia Secco – 25 novembre 1978, Sandrigo (VI) – Dopo la maturità artistica, da Breganze (VI), si
trasferisce a Bologna dove vive. Scrive in italiano e in dialetto alto-vicentino. Sue poesie sono state
premiate o segnalate in alcuni concorsi nazionali, fra i quali il Premio Borgognoni, il Premio Poesia Di Strada
e il Premio Renato Giorgi. Alcuni testi poetici compaiono nelle antologie dei premi, in riviste, o sono
pubblicati in rete. Alcuni testi, inoltre, sono contenuti in antologie collettive. In prosa, ha curato la
presentazione di alcune esposizioni fotografiche ed artistiche, in particolare per la pittrice Martina dalla
Stella (www.martinadallastella.com); suoi articoli e recensioni ad altri autori si trovano nella fanzine on
line per la diffusione della poesia Versante Ripido (www.versanteripido.it). Grazie al Premio Franco Fortini,
nel 2014 ha pubblicato con la casa editrice CFR di Gianmario Lucini la sua raccolta poetica d’esordio:
L’equilibrio della foglia in caduta (prefazione di Francesco Sassetto e nota di lettura di Enio Sartori), la
quale ha ricevuto il secondo premio per la poesia edita al concorso San Domenichino Città Di Massa.
Realizza artigianalmente le piccole edizioni artistiche EDIZIONIFOLLI. A luglio 2016, con Samuele
Editore, pubblica il suo secondo libro di poesia Canti di cicale (prefazione di Ales-sandro Dall’Olio), le
cui presentazioni sono state proposte nel-la forma di recital-spettacolo in collaborazione con il
musicista e cantautore Alessandro Baro. Assieme alla redazione di Ver-sante Ripido, dal 2016 al 2019, è
stata impegnata nella organizzazione e proposta della rassegna poetica bolognese IGiovedìDiVersi.
Assieme alla poetessa Claudia Zironi e a Martina Dalla Stella, nel 2018 ha pubblicato il libro
Ursprüngliches Leben: poesia e pittura in dialogo (EDIZIONIFOLLI con KDP Amazon), dal quale è tratto il
recital omonimo proposto dalle due poetesse e accompagnato dalla musica di Alessandro Baro, Emma
Gustafson, Elisa Misolidio, Giacomo Gamberucci, Fiore Stavole, Rocco Del Pozzo, Giulio Benassi. A
fine settembre 2018 pubblica il libro di poesia Amarene con nota di lettura di Alberto Bertoni,
(EDIZIONIFOLLI e KDP Amazon), nella doppia edizione indipendente: una artigianale
EDIZIONIFOLLI N°80 (150 copie realizzate interamente a mano dalla stessa autrice, numerate,
dedicate, e donate direttamente ad altrettante persone) e una di stampa digitale KDP Amazon
(regolarmente in com-mercio e disponibile all’acquisto sulla piattaforma Amazon), vincitore, nel 2020,
del secondo premio per la poesia edita al Premio nazionale di poesia “Oreste Pelagatti”, città di Civitella Del
Tronto, indetto dalla Associazione culturale Le Lunarie. A partire dal 5 aprile 2019, data della “prima” al
Teatro Del Navile di Bologna, Amarene è diventato anche un recital: Amarene, parole recitate sui suoni,
ideato, scritto, composto e portato in scena as-sieme ad Alessandro Baro, e con la partecipazione del
chitarri-sta Federico Bertolucci. I morti di tutte le specie è il suo quarto libro, realizzato con Seri Editore di
Macerata grazie al premio riconosciuto dalla giuria popolare al concorso Poesia Di Strada 2019.